lunedì 4 luglio 2011

Stai con i più bravi!

Questa foto l'ho fatta con il Blackberry ieri sera, all'Arena di Milano, durante il concerto del mitico Ringo Starr. Bellissimo spettacolo e straordinaria atmosfera di festa. Ringo è un artista eccellente e simpatico. Il suo successo però non è dovuto alla bravura con cui suona la batteria. Piuttosto, lui deve tutto alla sua abitudine a circondarsi di persone veramente in gamba.


Fin dalle sue prime esperienze, Ringo suonava con il miglior gruppo di Liverpool, Rory Storm and the Hurricanes. Erano i più energici, i più spettacolari, più quotati dei Beatles degli esordi. Qui imparò ad essere professionale e stare sulla scena. Per questo fu scelto da Lennon e McCartney. John e Paul poi sono stati i migliori compositori di tutti i tempi, e stando con loro imparò a scrivere delle belle canzoni. Come "photograph" per esempio: splendida nella musica e nel testo.


Nel suo tour 2011, infine, si circonda di artisti bravissimi: Rick Derringer alla chitarra, Richard Page alla voce e basso, Wally Palmar alla chitarra, Edgar Winter come multistrumentista, Gary Wright al piano e Gregg Bissonette alla batteria. Tutti hanno suonato in gruppi famosi e nel concerto ognuno di loro canta, come protagonista, una sua hit. 


Insomma, anche adesso che Ringo potrebbe permettersi di essere l'unica star e farsi accompagnare da musicisti normali, lui cerca la compagnia dei più bravi. E sembra pagare volentieri il prezzo di condividere con loro il successo della serata.


E tu cosa preferisci fare? Ti circondi di persone mediocri, rispetto alle quali puoi emergere, o cerchi i migliori nel tuo campo, con i quali da un lato devi condividere il successo, ma dall'altro hai però la certezza di diventare sempre più bravo?


(C) Diego Agostini/Commitment 2011 - All Rights Reserved

2 commenti:

Daniele Sechi ha detto...

Sempre e comunque con i migliori, il volersi migliorare attraverso gli altri non è uno sport, è piuttosto uno stato mentale a cui bisogna approcciare nella giusta maniera, con la dovuta calma! Tutti possiamo dare qualcosa a qualcuno...

GAETANO VALLINI ha detto...

Ciao Diego, sul concerto sai come la penso, perché lo hai letto sul mio blog, e ti ringrazio del commento. In parte - sull'essenziale, per la verità - siamo d'accordo.Del resto amiamo i Beatles e tanto basta. Un commento analogo me lo ha chiesto il direttore per il giornale. Uscirà sull'edizione del pomeriggio.

A proposito, mi sono segnato al tuo blog. Con la promessa di darci un'occhiata più approfondita nei prossimi giorni.
A presto.